Il GLUTATIONE: Il “SIGNORE” degli antiossidanti che allunga la vita

Che cos’è il Glutatione?

Chimicamente è un tripeptide naturale chiamato GSH, formato da tre amminoacidi (glutammico, cisteina e glicina). In pratica questa triplice composizione fa diventare il GSH un potente enzima ad azione antiossidante, probabilmente il più efficace.
Nonostante sia stato scoperto nel 1888, la prima ricerca sul deficit di glutatione fu condotta negli anni Venti e Trenta e si concentrò sull’occhio, in particolare sul cristallino. È noto che la degenerazione maculare è legata a bassi livelli di glutatione. Negli anni Ottanta, i ricercatori si accorsero che il glutatione giocava un ruolo importante in tutti gli aspetti relativi al benessere e alla prevenzione delle malattie.
La parte più interessante è che il Glutatione viene naturalmente prodotto dal nostro organismo, dalla ghiandola più grande del nostro corpo, il Fegato, che dopo aver svolto le sue funzioni antiossidanti elimina tutto attraverso le vie biliari. Non a caso, in clinica, il glutatione ridotto viene somministrato endovena come antidoto diretto e “veloce” nell’avvelenamento da paracetamolo.

Perché il Glutatione? A cosa serve?

Il glutatione costituisce uno dei principali protagonisti della risposta antiossidante cellulare. Grazie alla sua particolare struttura chimica, il glutatione interviene nel mantenimento del corretto stato di ossidoriduzione intracellulare, agendo come molecola spazzino nei confronti dei radicali liberi dell’ossigeno. Oltre alla spiccata attività antiossidante, al glutatione vengono attribuite anche attività detox, immunomodulanti e citoprotettive. Per questi motivi, da studi preliminari, l’integrazione di Glutatione sembrerebbe utile in caso di:
  • Diabete e patologie metaboliche;
  • Arteriosclerosi;
  • Patologie respiratorie;
  • Calo dell’udito;
  • Infertilità Maschile
  • Avvelenamento da metalli pesanti;
  • AIDS
Dal punto di vista commerciale, in virtù della grande importanza attribuita ai radicali liberi nella comparsa di svariate patologie degenerative, gli integratori di glutatione sono dipinti come una sorta di elisir dell’eterna giovinezza, utili per ritardare l’invecchiamento, per rinforzare le difese immunitarie, per preservare l’integrità di globuli rossi e del cristallino dell’occhio, e per proteggere l’organismo dalle radiazioni ionizzanti, dai metalli pesanti, da alcol, tabacco, droghe e da patologie neurodegenerative come il morbo di Alzaimer.

I grandi limiti degli Integratori di Glutatione

Questo prodotto non si assume per via orale
Nonostante le evidenze cliniche incoraggianti, esistono oggi diversi dubbi, soprattutto di natura farmacocinetica, relativi alla reale utilità dell’integrazione con glutatione. Questi dubbi derivano dal fatto che assumendo GSH per via orale gran parte del prodotto viene distrutta e scartata dagli enzimi prodotti dal nostro apparato digerente. Alcune Aziende però con la ricerca hanno prodotto dei sistemi che stimolano direttamente il nostro organismo alla produzione di Glutatione senza assumere integratori.
Non è fantastico? Vi piacerebbe saperne di più? Allora non dovete far altro che commentare questo post o scriverci in privato!! Saremo ben lieti di presentarvi una realtà straordinariamente rivoluzionaria per la nostra salute!!
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *